Come essere Primi su Google. Tutto quello che devi sapere + Guida Pratica per posizionare un sito web in cima ai risultati di ricerca.

Primi su Google

Se sei arrivato su questa pagina è per due motivi: Il primo è che ho fatto bene il mio lavoro, 😎 perché sono riuscito a raggiungere i primi risultati su Google per questa parola chiave per la tua ricerca. Il secondo è che immagino tu voglia sapere come essere in prima pagina su Google o ancora direttamente Primo su Google! Bene mettiti comodo allora, perché questa guida è abbastanza lunga! Se non hai tempo di leggerla ora:

Indice Guida:

Perché è cosi importante essere in prima pagina su Google

Ogni giorno vengono effettuate oltre 4,5 miliardi di ricerche su Google, di cui una parte fatte nel nostro paese. Praticamente tutti (compresi io e te) ogni giorno facciamo ricerche per motivi di svago, per cercare prodotti, servizi e soluzioni a qualsiasi tipo di problema.

Devi sapere però che il 90% degli utenti, non va oltre la prima pagina dei risultati di ricerca.
Essere quindi  ai primi posti nei risultati di ricerca è diventato un bisogno comune di tutte le aziende (grandi e piccole) e professionisti che desiderano intercettare nuovi potenziali clienti.

Come posizionare un sito ai primi posti

In realtà i fattori di posizionamento sono davvero tanti, oltre 200, sicuramente (per riassumere in poche righe) se vuoi raggiungere i primi posti nei risultati di ricerca” devi:

  1. Soddisfare l’intento di ricerca degli utenti, con contenuti di valore, rilevanti e pertinenti;
  2. Un sito web ben strutturato, veloce e di semplice navigazione;
  3. Avere dei link esterni che puntano al tuo sito e alle tue pagine interne più importanti.

Per quanto riguarda il terzo punto, devi conoscere alla perfezione le tecniche di link building, o meglio ancora di link earning. Ti lascio qui un link per approfondire.
Mentre per i primi 2 punti cercherò di aiutarti io con la guida pratica (più avanti) in cui ti spiegherò come:

  • individuare le giuste parole chiave;
  • comprenderne l’intento di ricerca (search intent);
  • offrire la miglior risposta;
  • ottimizzare il contenuto;

e raggiungere cosi maggior visibilità nei risultati di ricerca.

In alternativa, se non sei pratico di computer e di siti web o semplicemente non hai il tempo di fare tutto ciò, sappi che ci sono altre due vie per apparire ai Primi posti su Google:

  • Attraverso le inserzioni sponsorizzate di Google Ads
  • Attraverso la consulenza di un esperto SEO

Primi su Google in pochi minuti con le inserzioni

Se vuoi sapere come arrivare primi su Google in 24 ore, l’unica soluzione che hai è quella di attivare delle inserzioni sponsorizzate con Google ADS.  In questo modo, se fatto tutto correttamente, i tuoi annunci potranno essere trai i primi risultati su Google in pochi minuti.

primi su google in pochi minuti

La seconda soluzione è quella di affidarsi ad un’agenzia SEO o ad un consulente SEO freelance,  che possano ottimizzare il tuo sito per portarlo nel tempo a scalare i risultati della prima pagina di Google. In questo caso però bisognerà essere pazienti, perché i risultati impiegheranno molto più tempo ad arrivare (generalmente dai 4 ai 12 mesi).

La differenze sono diverse, la più importante è che con le campagne PPC (pay per clic) avrai visibilità solo finché paghi, non appena il budget terminerà, il tuo sito scomparirà con la stessa velocità con cui è apparso ai primi posti. Mentre con la SEO, i risultati ottenuti saranno più duraturi e una volta raggiunte le prime posizioni, il tuo sito inizierà a ricevere traffico gratuito e costante.

Quindi affidarsi ad un consulente SEO a mio avviso è la soluzione migliore.

Se invece, sei un webmaster, un programmatore o un autodidatta e vuoi riuscire a posizionare il tuo sito web in cima ai risultati di ricerca, rimboccati le maniche perché dovrai lavorare tanto e bene, ma se lo farai e seguirai i consigli di questa guida, ti assicuro che le soddisfazioni saranno tante!

Prima di iniziare con la guida SEO più tecnica, voglio parlarti di alcuni aspetti molto importanti che la maggior parte dei non addetti ai lavori ignora totalmente, di cui bisogna tenere molto conto, prima di fare qualsiasi valutazione su una strategia SEO.

Cosa devi sapere prima di tentare la scalata delle SERP su Google?

  1. Arrivare in top 3 su Google non è sempre possibile;
  2. Ottenere la Prima posizione non è sempre indispensabile;
  3. Essere Primi non garantisce un aumento del traffico qualificato;
  4. I risultati di ricerca ormai sono mutevoli e personalizzati;
  5. Per essere primo su Google devi essere disposto a investire (tempo o denaro);
  6. Essere primi non serve a nulla se il tuo sito non è ottimizzato alla conversione;

Se vuoi raggiungere la Prima Pagina per le parole chiave più importanti per la tua attività, ma giustamente non hai il tempo da dedicare a questa tipologia di attività, contattami. Da oltre 7 anni aiuto aziende e imprenditori ad aumentare la propria visibilità grazie alla SEO.

Arrivare in top 3 su Google non è sempre possibile:

Per determinate tipologie di keyword il primo posto è sempre occupato da i cosiddetti colossi del web, impossibili da spodestare, come: Amazon, Aranzulla, My Personal Trainer, Wikipedia, Giallo Zafferano, Zalando etc. questo perché si tratta di siti web con una forte autorità ed un peso agli occhi di Google difficile da raggiungere.

Ottenere la prima posizione non è sempre indispensabile:

Occorre saper distinguere i casi in cui vale la pena essere Primi nei Motori di Ricerca. Ci sono alcuni casi legati tipologia di ricerca dell’utente, in cui essere secondi o terzi può portate benefici maggiori rispetto ad essere primi.

Molti utenti (come immagino anche tu) prima di acquistare un prodotto, confrontano i vari siti (della prima pagina) per trovare la soluzione più conveniente rispetto a prezzo e modalità di acquisto. Capita spesso quindi che il primo sito (spesso del leader del settore) venga scartato a causa condizioni di acquisto più sfavorevoli e che l’acquisto venga effettuato poi su uno dei siti che occupano la seconda, terza o anche quarta posizione.
Morale: non ti incaponire nel voler raggiungere per forza la Prima Posizione, anche la altre hanno i loro vantaggi!

Essere Primi non garantisce un aumento del traffico qualificato

Prima di puntare alla prima pagina, per posizionare il sito della propria azienda o un’articolo del proprio blog, occorre saper valutare e scegliere delle parole chiave adeguate, che possano portare utenti davvero in target al tuo sito. Posso garantirti ad esempio, che essere primi su una keyword come “Personal trainer Milano” con una media di 2400 ricerche al mese,  porterà molti più utenti in Target rispetto alla keyword “Personal Trainer” che ha un volume di 14.800 ricerche al mese.

Volumi di ricerca Personal Trainer

Molti imprenditori e altri utenti poco esperti, puntano ancora oggi alle cosiddette “vanity keyword” ovvero keyword con alti volumi di ricerca, ma che portano inevitabilmente traffico non in target, con tutti i risvolti negativi correlati. Un utente che cerca la parola chiave “persona trainer”, potrebbe avere diversi intenti di ricerca, tipo: informarsi su cosa fa il personal trainer, guardare dei video su Youtube, informarsi su come diventarlo e tanto altro.

Quindi il fatto che possa atterrare sul tuo sito, non vuol dire sia un bene, perché potrebbe non essere interessato ai servizi di un Personal trainer di Milano ed abbandonare subito il tuo sito, andando a peggiorare alcune metriche come la frequenza di rimbalzo e il tempo di permanenza.

I risultati di ricerca ormai sono mutevoli e personalizzati:

Sempre lo stesso Personal Trainer di Milano, che punta alla prima posizione per la keyword “Persona Trainer” potrebbe essere primo su Milano ma totalmente assente da qualsiasi altra provincia Italiana. Questo perché i risultati di ricerca sono ormai geolocalizzati. Google infatti mostra dei risultati di ricerca totalmente diversi in base alla posizione e alle ricerche pregresse etc. Quindi per la maggior parte delle keywords si può essere primi, ma non dappertutto!

Per essere primo su Google devi essere disposto a investire:

Come scritto su, per ottenere le prime posizioni devi essere in grado di offrire contenuti davvero utili e interessanti che soddisfino appieno l’intento di ricerca degli utenti, oltre che avere un sito ben ottimizzato, sia per gli utenti che per il motore di ricerca. Tutto ciò comporta ovviamente un dispendio considerevole di tempo per curare tutti gli aspetti dell’ottimizzazione e per poter creare contenuti davvero utili.

Se invece come molti imprenditori non hai giustamente il tempo o le competenze per gestire tutto ciò, devi essere disposto ad investire del denaro per avvalerti della consulenza di un agenzia o un consulente SEO.  Non ci sono altre scorciatoie o alternative oltre che a Google ADS, ma anche li dovrai investire un bel po!

Essere primi non serve a nulla se il tuo sito non è ottimizzato alla conversione

Devi sapere che la SEO è solo una dei vari tasselli di una corretta strategia di Web Marketing, per riuscire ad ottenere una vendita,